Core stability e consapevolezza

essere divenire Maggio 25, 2018 0 comments 0

Il core stability è l’abilità di creare movimento delle gambe e delle braccia senza movimenti compensatori della spina o del bacino. Rappresenta quel nucleo centrale di forza che, attraverso il suo tono, sostiene la postura stabilizzando la colonna vertebrale.

Il core è un cilindro compreso tra torace e bacino: ha una parte posteriore,  i lati e una parte frontale. A livello profondo è delimitato in alto dal diaframma , in basso dal pavimento pelvico e intorno dal muscolo trasverso che si connette posteriormente con il muscolo multifido. A livello più superficiale comprende il retto addominale con i muscoli obliqui esterni e interni e il quadrato dei rombi. La muscolatura profonda è la parte più difficile da sviluppare e percepire in quanto non produce alcun movimento tangibile del corpo. Richiede attenzione e consapevolezza.

La funzione del core ha più a che vedere con ciò che non si dovrebbe fare piuttosto con ciò che si dovrebbe fare. Una delle funzioni principali della muscolatura del core infatti è la prevenzione del movimento, ciò significa che gli addominali sono dei grandi stabilizzatori. Durante la maggior parte delle attività giornaliere, il ruolo primario dei muscoli addominali è il supporto isometrico e il limitare il grado di rotazione del tronco. Una larga percentuale dei problemi alla bassa schiena è dovuta al fatto che i muscoli addominali non mantengono uno stretto controllo sulla rotazione tra bacino e spina. Il core dunque è antirotatorio. Il core è prevenzione di movimento. Quindi quando parliamo di forza del core intendiamo, in realtà, la stabilità del core.

In un auspicabile stato di armonia il core si attiva già prima di compiere ogni movimento, come alzare un braccio o piegare una gamba.

Ci sono dunque un sacco di buone ragioni per allenare il core. Un core forte è una delle chiavi nella prevenzione del mal di schiena. Un core forte aiuterà ad apparire meglio e a migliorare le prestazioni in molti sport.

A differenza di quanto si possa pensare, non è necessario possedere muscoli forti o sviluppare un’armatura muscolare ma incrementare la loro reattività e mantenerli propriocettivamente sollecitati, creando armonia e sinergia tra tensione e distensione. L’allenamento del core deve quindi contenere una combinazione di forza, flessibilità e controllo.

Un esercizio base per capire come attivare la muscolatura addominale profonda è il draw-in in quadrupedia. Ci posizioniamo in quadrupedia, lasciamo l’addome disteso e rilassato. Solleviamo la parete addominale senza muovere la spina. Teniamo la posizione per cinque secondi e poi rilassiamo. La chiave dell’esercizio è essere capaci di sollevare la parete addominale senza muovere la spina. Questo ci insegna la posizione stabile necessaria per eseguire qualsiasi esercizio o posizione.

Leave your thought