La scelta del tappetino yoga

essere divenire Settembre 19, 2017 0 comments 0

Magari non ci abbiamo mai pensato ma…non pratichiamo mai yoga da soli. Il tappetino sul quale ci poggiamo è sempre con noi! E dovremmo curare di più il rapporto che si instaura con esso.

Il tappetino è il nostro osservatore silenzioso, ci supporta, ci sostiene, ci aiuta o ci ostacola.

Eh si, perché se non è quello giusto per noi può diventare un vero e proprio ostacolo alla pratica!

Quindi, prima domanda: perché acquistare un tappetino personale per lo yoga?

Uno dei modi per “rischiare” meno nelle posizioni che sollecitano di più il corpo, in particolar modo le ginocchia, le spalle e il collo, è quello di assicurarsi di avere un tappetino con uno spessore sufficiente per assorbire l’impatto: uno spessore adeguato tra te e il terreno significa infatti meno pressione sulle articolazioni e assicura, ad esempio, che le ginocchia e le anche non battano sul pavimento causando dolore.

Altro aspetto importante riguarda il grip. Un buon tappetino deve garantire abbastanza trazione e assorbimento del sudore in modo che schiena, spalle o ginocchia non possano scorrere rischiando di scivolare o perdere l’equilibrio.

E poi, stendere il proprio tappetino è già momento di pratica. Significa preparare la mente e riportarla nel qui ed ora. Un vero e proprio spazio dove ci si può sentire a casa ogni volta che si pratica.

Veniamo dunque a quali fattori considerare quando si sceglie il tappetino.

Lunghezza

Occorre assicurarsi che il tappetino yoga che scegliamo sia più lungo di tutto il corpo. Solitamente tutte le migliori marche creano tappetini piuttosto lunghi che vanno bene per la maggior parte della persone. In alcuni casi c’è anche la possibilità di personalizzare la lunghezza!

Stile di yoga

Se pratichiamo un tipo di yoga più statico dove staremo la maggior parte del tempo seduti o sdraiati, come yoga nidra o meditazione, il comfort e lo spessore sono la prima cosa da considerare. Se invece seguiamo un corso di yoga più vigoroso e dinamico, come ad esempio il power yoga, dovremmo considerare un tappetino che sostenga perfettamente in ogni posizione e che non sia scivoloso neanche quando siamo totalmente sudati.

Spessore, densità e peso

Sono questi i fattori che rendono un tappetino comodo o meno ogni volta che ci mettiamo seduti a terra oppure, per esempio, ogni volta che facciamo un asana dove ci appoggiamo sulle ginocchia. E’ giusto scegliere un tappetino abbastanza spesso in modo che faccia stare comodi quando pratichiamo, ma che allo stesso tempo non sia troppo spesso, altrimenti si perde la connessione da terra e molti asana risulteranno più difficili. Inoltre tieniamo in considerazione che lo spessore determina anche il peso quindi, se lo dobbiamo trasportare spesso, consideriamo di sacrificare un po’ di comfort a favore di più leggerezza!

Durabilità

La durabilità è un altro aspetto sicuramente da considerare. Da una parte dipenderà dalla qualità del tappetino, ecco perché è meglio spenderci leggermente di più. Ma non dimentichiamoci che dipenderà anche da come lo teniamo. Anche i migliori tappetini yoga si romperanno facilmente se non ce ne prendiamo cura, se li lasciamo esposti al sole, se li usiamo all’aperto in modo inappropriato o li laviamo nel modo sbagliato.

Prezzo

Il prezzo si comincia ad alzare se i materiali usati sono ottimi e soprattutto se sono ecosostenibili. Comunque spendere leggermente di più per un ottimo tappetino yoga è sicuramente un ottimo investimento perché durerà per moltissimi anni e sicuramente non ce ne pentiremo!

Di seguito vi lascio una piccola rassegna di quelli che per me sono i migliori tappetini che potete trovare. Alcuni modelli sono personalizzabili per lunghezza e altezza!

 

Manduka Pro Lite Yoga Mat 

Un peso di gran lunga minore rispetto ai suoi simili, ma allo stesso tempo abbastanza spesso e largo da garantire una grande comodità per la pratica. E’ perfetto per qualsiasi praticante, adatto da trasportare per gli yogi che viaggiano. Certificazione Oeko-Tex, tappetino ecosostenibile, produzione a emissioni zero. E’ disponibile in ben 12 colori diversi! Prezzo: intorno ai 68 euro.

 

Manduka eko 5 mm

Perfetto per la pratica a casa ma un po’ meno per essere trasportato altrove. E’ spesso 5 millimetri e garantisce una comodità unica però pesa ben 3 kg! Permette un grip senza paragoni per praticare anche in condizioni di intensa sudorazione. E’ un tappetino anche attento all’ambiente, infatti viene realizzato con gomma naturale biodegradabile proveniente da alberi che non sono stati abbattuti. Dona comfort e supporto alla tua pratica e allo stesso tempo protegge il pianeta! Prezzo: intorno ai 75 euro.

 

ReYoga  Ecologico ReMat Element “Grow”

Per la sua tenuta eccezionale ReMat Element “GROW” è il tappetino yoga ecologico antiscivolo ideale per stili di yoga intensi e dinamici.  Giusta combinazione tra praticità, stabilità e comfort! Alla straordinaria aderenza su entrambi i lati unisce 4 mm di schiuma di lattice che gli conferiscono lo spessore ideale per rendere confortevole la pratica. Come tutti i tappetini della linea Element è al 100% in gomma naturale certificata OEKO – TEX ® Standard 100 classe 1. Privo di metalli pesanti, agenti chimici, PVC, o altri materiali plastici sintetici potenzialmente pericolosi. Disponibile anche nella versione XL lungo 200cm. Altre colorazioni disponibili: HEART – Rosso carminio | SOUL  – Viola profondo | STONE – Grigio ardesia. Prezzo: versione standard 65 euro.

 

ReYoga  Ecologico ReMat Element “Steady”

E’ il tappetino ecologico in gomma naturale pensato per chi ricerca un comfort maggiore durante la pratica, in grado di assorbire gli urti di una pratica dinamica e le spinte degli yogi più esigenti!
La sua prerogativa è di unire un grip eccezionale e la stabilità al massimo della comodità, con 6 mm di spessore!! La struttura a celle aperte del materiale che lo compone, fa in modo che la stabilità rimanga ottimale anche in condizioni di elevata sudorazione, per accompagnarci fino al termine della pratica in totale sicurezza! Questo è il mio tappetino, lo avete riconosciuto? 😉 Prezzo: 79 euro.

 

ReYoga ReMat Free “Light”

ReMat Light è il tappetino yoga ecologico dal grip eccezionale che grazie alle sue trame colorate ci supporta nella pratica con un buon grado di assorbimento degli urti, morbidezza e comfort. Ideale per la pratica yoga, si può utilizzare da entrambi i lati, scegliendo ogni volta il colore più adatto alla giornata! Grazie ai suoi 3 mm di spessore è leggerissimo e facile da trasportare! E inoltre possiamo scegliere tra diverse combinazioni di colori! Prezzo: 29 euro.

Potete dare un’occhiata sul sito di Manduka e di ReYoga per scoprire tutta la linea completa di tappetini disponibili.  Naturalmente potete scegliere qualsiasi altra marca, io ho suggerito queste perché, come vi dico sempre, lo yoga è uno stile di vita quotidiano e sapere che pratico su un tappetino ecologico e attento all’ambiente rende tutto più…vero e autentico!

Se volete, un accessorio molto carino che propone ReYoga secondo me utilissimo è il cordino porta tappetino come questo qui in foto.

Il cordino in cotone naturale (ovviamente!) è il più smart ed economico dei porta-tappetini. Grazie ai nocciolini in legno la regolazione è facile e la chiusura è rapida. L’etichetta in sughero lascia spazio alla personalizzazione con una superficie pensata per scrivere il vostro nome. Colori disponibili: Viola “Prugna” | Verde “Erbetta” | Arancio “Zucca” | Bianco “Natural”. Abbinalo al tappetino e facilitati il trasporto. E poi costa solo 5 euro!!

Per qualsiasi domanda, dubbio o info potete scrivere nei commenti qui sotto, in modo da condividere insieme scelte e opinioni. Nel pieno stile yogico.

Namastè,

Emanuela

 

 

Leave your thought